Building Manager: Chi è e di Cosa si Occupa?

Building Manager: Chi è e di Cosa si Occupa?

Il mondo della manutenzione e della gestione di immobili si evolve costantemente e con esso emergono nuove figure professionali.

Il Ruolo del Building Manager

Tradizionalmente, la gestione degli edifici era affidata agli amministratori di condominio, figure che si occupavano principalmente degli aspetti amministrativi e contabili. Con l’evoluzione delle normative e delle esigenze degli edifici residenziali e commerciali, è emersa la necessità di una figura più specializzata e tecnica: il building manager . Questo professionista si occupa di coordinare tutti gli aspetti legati al funzionamento e alla manutenzione di un immobile, garantendo sicurezza, efficienza e comfort per gli occupanti. Ma cosa fa esattamente un building manager?

Definizione e Competenze

Il Building Manager, chiamato in alcuni casi all’estero anche site manager o facility manager, è una figura professionale che si è evoluta in Italia in seguito alla legge n. 220 del 17 Dicembre 2012. Questa norma ha modificato la disciplina del condominio negli edifici, ampliando le competenze dell’amministratore verso una gestione più complessa e integrata degli immobili.

Il building manager è un profilo che si caratterizza per l’alta qualificazione e l’uso di sistemi evoluti di building management per la gestione tecnico-manutentiva degli immobili.
Per fare building management servono competenze che spaziano dalla gestione del personale alla conoscenza delle norme di sicurezza, dalla comprensione dei BMS alla pianificazione delle attività di manutenzione, fino alla valutazione immobiliare.

Definizione e Competenze

Una delle principali responsabilità è la gestione delle operazioni quotidiane dell’edificio. Ciò include la supervisione del personale addetto alla manutenzione, alla pulizia e alla sicurezza, nonché la gestione dei fornitori esterni e degli appaltatori.

Manutenzioni e riparazioni: BMS

In qualità di gestore, il building manager si avvale di sistemi per il controllo e la supervisione degli edifici. Coordina tutte le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’edificio, garantendo che le riparazioni e gli interventi siano eseguiti in modo tempestivo ed efficiente. Utilizza spesso un building management system (BMS) per monitorare e controllare i sistemi dell’edificio.

Gestione dell’energia e dell’efficienza

Un aspetto sempre più rilevante riguarda la gestione dell’energia e dell’efficienza energetica dell’edificio. Ciò include l’implementazione di strategie per ridurre i consumi e l’impatto ambientale, come l’installazione di BEMS, building energy management system, piattaforme per monitorare e ottimizzare l’utilizzo dell’energia.

Sicurezza e conformità normativa

Il building manager è responsabile della sicurezza degli occupanti dell’edificio e della conformità alle norme e ai regolamenti vigenti. Ciò comprende la gestione dei piani di emergenza, la formazione del personale e l’implementazione di misure di sicurezza appropriate. Supervisiona i fornitori di servizi (es.: ascensori, estintori, CCTV, etc), gestisce le procedure di evacuazione e si occupa della sicurezza degli edifici.
Nel caso di lavori di ristrutturazione, il building manager assicura la consegna dei progetti tramite una meticolosa pianificazione, l’elaborazione di dichiarazioni metodologiche e la valutazione dei rischi. Egli diviene il volto del principale appaltatore e, ni caso di edifici commerciali, il punto di riferimento per clienti, subappaltatori e pubblico. Tutto ciò per evitare problemi nella consegna e stoccaggio di attrezzature e materiali, nonché nella definizione dei requisiti di accesso e delle informazioni progettuali necessarie.

Potrebbero interessarti